IGIENIZZANTI

01/02/2021
igienizzante, disinfettante, virus, covid-19

Sul mercato sono comparsi diversi prodotti con proprietà antibatteriche e antivirus per igienizzare le mani e disinfettare oggetti e superfici. Come orientarsi nella scelta? Ecco i nostri consigli e alcune indicazioni.

Mascherina e gel disinfettante ci accompagneranno ancora per diverso tempo: sul mercato sono comparsi diversi prodotti con proprietà antibatteriche e antivirus per la disinfezione delle mani, di oggetti e superfici. Igienizzare le mani è una delle regole per prevenire il contagio da COVID-19, ma è anche una buona abitudine fuori casa per scongiurare la trasmissione di altri virus influenzali, che ci costringono a letto con febbre, naso chiuso e tosse. Infatti, con le mani tocchiamo spesso superfici potenzialmente contaminate e poi è facile portarle al naso e alla bocca, vie di ingresso principali dei microrganismi. Mentre la mascherina rappresenta una protezione fisica contro la diffusione e/o il contatto dei virus, il disinfettante agisce direttamente sulle mani o sulle superfici, sanificandole dai germi.

Quali sono le caratteristiche di un buon igienizzante mani?

Il requisito fondamentale che definisce l’efficacia di un gel igienizzante contro virus, batteri e funghi è la quantità di alcool (denaturato, etanolo o alcol etilico), che deve essere almeno presente in una percentuale del 60% nella formula. Un’ulteriore conferma è la classificazione del prodotto come presidio medico-chirurgico, anche se non è una caratteristica necessaria per definire l’efficacia disinfettante, poiché ci sono prodotti cosmetici che rispettano i requisiti e che sono comunque efficaci. In soluzione idroalcolica nei gel igienizzanti di tipo cosmetico sono presenti altri eccipienti (condizionanti, umettanti e idratanti), necessari per preservare le caratteristiche fisiologiche e mantenere morbida la pelle, oltre a facilitare la stesura del prodotto e aumentare la sua gradevolezza nell’utilizzo. Oltre all’alcol possono essere presenti anche altre sostanze con proprietà disinfettanti (cetilpiridinio cloruro, clorexidina, oli essenziali). L’alcol etilico è già impiegato come disinfettante per la cute integra (prima di un’iniezione ad esempio), mentre la clorexidina ha origine sintetica ed è un noto antisettico ad ampio spettro contro i batteri, utilizzato per il cavo orale nei collutori. Tra gli oli essenziali con proprietà disinfettanti sono scelti quelli di limone, lavandino o tea tree, mentre tra gli idratanti di origine naturale l’aloe vera è molto efficace nel mantenere le mani idratate.

Una sostanza, per definirsi disinfettante, deve essere in grado di uccidere virus e batteri entro un dato intervallo di tempo, evitando così la loro ulteriore diffusione. Tra i meccanismi noti, il danno alla parete cellulare dei microrganismi o l’interferenza nei loro processi metabolici sono responsabili dell’azione virucida e battericida. Esistono in parafarmacia formati di gel igienizzante con dosatore a pompetta che si possono facilmente utilizzare appoggiati su una superficie, oppure spray, salviette e piccoli formati, pratici da portare fuori casa e da avere sempre con sé.  

Oltre alla composizione è importante l’utilizzo corretto del gel igienizzante, che deve essere applicato in una quantità sufficiente e distribuito sulle mani, se possibile, già lavate con acqua e sapone, massaggiandolo per almeno 30 secondi su tutte le parti: palmo, dorso, dita e polso. L’utilizzo del gel igienizzante è indicato soprattutto nelle situazioni in cui è probabile il contatto delle mani con superfici non igienizzate e negli ambienti frequentati da altre persone (ospedale, supermercato, negozi, ufficio), se non è possibile il risciacquo con acqua e va usato su mani asciutte e pulite. Non è da trascurare l’igiene delle mani di base con un detergente delicato, che rispetti la flora cutanea residente, ovvero l’insieme di microrganismi che popolano stabilmente la nostra pelle e che non sono patogeni. L’utilizzo del gel igienizzante non può sostituirsi alla normale igiene delle mani, che deve durare almeno 60 secondi e lasciare le mani asciutte, per evitare che un ambiente umido favorisca la proliferazione dei germi. Il lavaggio delle mani è il gesto da preferire se si rimane in casa.

E per la disinfezione di oggetti e superfici?

Igienizzare oggetti e superfici è sicuramente un approccio altrettanto utile per limitare la diffusione del COVID-19. Pulire il pavimento con prodotti appositi è sempre stata una pratica diffusa per la sicurezza in casa, soprattutto se sono presenti bambini. L’utilizzo di un disinfettante spray sulle superfici e sugli oggetti è una buona abitudine negli spazi domestici e lavorativi, oltre ad arieggiare e lasciare la stanza subito dopo aver spruzzato nell’aria un prodotto purificante, anche se naturale a base di oli essenziali.

La contaminazione è probabile sulle superfici più toccate, anche in casa, come maniglie di porte e finestre, scrivanie, sedie, tavoli, corrimano, interruttori della luce, pulsanti, rubinetti. Per un’efficace disinfezione è importante la pulizia ricorrente con un detergente e l’applicazione di presidi medico chirurgici che contengono benzalconio cloruro, a base di cloro 0,1%, alcoli, perossido di idrogeno o miscele di ammoni quaternari, che scientificamente hanno dimostrato la loro efficacia contro il Coronavirus. Nelle procedure di disinfezione non bisogna dimenticare i dispositivi elettronici come computer, cellulare e tablet, tra gli oggetti più toccati durante la giornata.

Nel nostro assortimento puoi trovare prodotti disinfettanti contro i virus dei migliori marchi come Amuchina, Citrosil, Puressentiel, Bionike. Contribuiranno a proteggerti dai virus e da altri germi per sentirsi più tranquilli nelle attività quotidiane a contatto con altre persone e fuori casa.

Prodotti che potrebbero interessarti

Questo sito fa uso di cookie propri per migliorare la tua esperienza di navigazione e di terze parti per inviarti messaggi promozionali in linea con le tue preferenze. Se prosegui nella navigazione accetti l’uso dei cookie. Maggiori dettagli OK