Un aiuto dalle fibre per il benessere intestinale

09/08/2019
stitichezza, sazietà, transito intestinale

Sempre presenti in una sana alimentazione, le fibre hanno molte funzioni, come migliorare il transito intestinale, indurre un senso di sazietà e ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri, con benefici per un'eventuale dieta. Ecco alcune ulteriori informazioni.

Le nostre scelte alimentari possono avere conseguenze anche per l’intestino: un ridotto consumo di fibre e sostanze liquide contribuisce a rallentare il suo funzionamento, in particolare del tratto del colon, con la comparsa di stipsi, gonfiore e dolore addominale. Escludendo alcune patologie e l’assunzione di farmaci che possono causare il rallentamento del transito intestinale, si può affrontare il disturbo inizialmente con prodotti lassativi o lubrificanti delle feci, ma soprattutto aumentando il consumo di fibre e abituandosi a bere di più.

Le fibre sono sostanze vegetali che non vengono digerite e assorbite nell’intestino, ma grazie alla loro solubilità in acqua regolarizzano il transito intestinale. Possono formare un gel e aumentare di volume, andando incontro a processi di fermentazione (fibre solubili, come gomme, mucillagini e pectine) o hanno la capacità di assorbire poca acqua e fare massa (fibre insolubili), così come meccanismo aumentano il volume delle feci favorendo la peristalsi intestinale. Inoltre, le fibre solubili inducono una sensazione di sazietà distendendo le pareti dello stomaco e riducono l’assorbimento intestinale di alcuni nutrienti, per questo sono indicate nelle diete dimagranti e nel controllo dei livelli fisiologici di colesterolo e glucosio nel sangue. Non deve mai mancare nella dieta un consumo regolare di 20-30 grammi al giorno di fibre con rapporto 3:1 tra fibre solubili e insolubili, accompagnando l’assunzione con molta acqua e qualche passeggiata.

Quindi, i vantaggi delle fibre sono:

  • ripulire più velocemente l’intestino dalle tossine, con un effetto detox naturale;
  • favorire il transito intestinale, prevenendo la stipsi;
  • indurre un senso di sazietà e quindi una minor assunzione di cibo, ideali nelle diete dimagranti
  • ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri, con benefici per le malattie metaboliche ed il controllo del peso.

Alcuni alimenti ne sono ricchi (carciofo, carote, lenticchie, zucca, fagioli, ceci, pere, cereali integrali) e diversi integratori apportano fibre come glucomannano, crusca, guar, psillio, L’’inulina, ad esempio, funziona come probiotico, a beneficio della flora batterica intestinale. Anche l’aloe è un ottimo rimedio naturale che ha notevoli benefici per il tratto intestinale grazie al contenuto in mucillaggini: un trattamento a base di succo di aloe è un vero toccasana al cambio di stagione e dopo una terapia farmacologica che ha avuto ripercussioni su stomaco e intestino, favorisce il transito intestinale, depura e riduce i sintomi di reflusso gastroesofageo.

Fai il pieno di fibre per regolarizzare il tuo intestino!

Prodotti che potrebbero interessarti

Questo sito fa uso di cookie propri per migliorare la tua esperienza di navigazione e di terze parti per inviarti messaggi promozionali in linea con le tue preferenze. Se prosegui nella navigazione accetti l’uso dei cookie. Maggiori dettagli OK